Ischia. Le sogenti e fonti di acqua termale dell'Isola

Sorgenti e fonti di acqua termale sono la ricchezza dell’Isola d’Ischia, per la maggior parte si trovano lungo la zona costiera e fino a 300 m nell’interno dell’Isola d'Ischia.
Fino all’inizio del secolo scorso gli isolani attizzavano solo le acque sorgive, per lo più sorgenti di acqua calda che fuoriuscivano quasi direttamente a mare. Oggi con l’apporto della tecnica si riescono a trivellare strati profondi da cui può essere estratta, tramite pompe l’acqua termale. Infatti la maggior parte degli hotel utilizza questa tecnica ed ha nel suo complesso uno o più piscine di acqua termale.
L’acqua termale che viene estratta sull’Isola d’Ischia ha composizione diversa a secondo della composizione della camera magmatica o degli stati di roccia che attraversa. Infatti sull'Isola d'Ischia si trovano acque termali di colore: rosse, verde e gialle oltre che limpide. L’acqua e le sorgenti vengono utilizzate dagli alberghi, dalle aziende e dai giardini termali per la cura termale.
Qui di seguito vi presentiamo le diverse zone in cui l’acqua termale fuoriesce spontanea in superficie.
Piazza Bagni è una frazione di Casamicciola Terme, che si trova a Nord dell’isola. Questa acqua termale è apprezzata da lungo tempo per la sua efficacia. Essa viene utilizzata per la cura termale da numerosi alberghi e aziende di lunga tradizione.
Le sorgenti termali di Lacco Ameno, che è a Nord-Est dell’isola, si trovano sia presso le terme della Regina Isabella che nella baia di San Montano, qui alimentano il parco termale del Negombo.
Sulla spiaggia di Citara a Forio vi sono alcuni punti in cui in passato fuoriusciva l’acqua termale direttamente in riva al mare, oggi queste sorgenti si sono estinte.
Sulla spiaggia dei Maronti, a Sud dell’Isola d'Ischia, che appartiene al Comune di Barano, ci sono delle sorgenti termali che riforniscono gli alberghi del luogo ed il parco termale Olimpus.
Sant’Angelo appartiene al comune di Serrara Fontana e lì, non lontano dalla spiaggia dei Maronti, ci sono alcuni parchi termali che utilizzano l’acqua termale per trattamenti terapeutici.
Cartaromana si trova a Est dell’Isola d'Ischia nella zona di Ischia Ponte. Qui l’acqua termale scorre direttamente nel mare e molti turisti hanno realizzato, accumulando pietre e massi, delle vasche in cui si può fare il bagno nell’acqua termale.
Cava Scura appartiene al comune di Serrara Fontana. Lì, non lontano dalla spiaggia dei Maronti, in una gola vicino al mare c’è un antico stabilimento balneare. Si suppone che le grotte scavate nella roccia e le cabine per il bagno risalgano all’epoca romana. Lo stabilimento è ancora oggi in funzione.
Anche al Bagnitiello, che è una zona del comune di Casamicciola Terme, vi sono punti in cui l’acqua termale fuoriesce spontanea in riva al mare.
La zona certamente più spettacolare ove l’acqua termale fuoriesce direttamente in riva al mare è certamente Sorgeto. Qui l’acqua termale arriva a 95°C direttamente in superficie ed in riva al mare. L’acqua di mare viene riscaldata e si può quindi fare il bagno in questa baia incantata anche nei mesi invernali. Nel 2005 il viottolo che conduceva a mare è stato sostituto con una comoda rampa di scale. A coloro che vogliono visitare questo luogo è consigliato portare con se oltre a ciabatte di gomma anche uova o patate che possono essere cotte in delle polle di acqua termale a 95°C.
Nitrodi è una sorgente in montagna, nella frazione di Buonopane. L’acqua, che qui fuoriesce spontanea a circa 400 metri slm, ha una potenza altamente curativa e viene utilizzata per curare malattie della pelle.